Sasso di Castalda

 

Sasso di Castalda… Tra storia e natura

Sasso di Castalda è un piccolo paese di circa 1000 abitanti, a 949 m sul l.m., nel cuore della Basilicata.

Sasso si presenta come uno dei paesi lucani più caratteristici anche grazie allo spettacolare paesaggio, corollato da montagne ricche biodiversità e solcato da numerosi corsi d’acqua.
Proprio per le sue peculiarità, gran parte del territorio comunale, circa il 65%, ricade nel più giovane Parco Nazionale d’Italia, il Parco Nazionale Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, istituito nel dicembre del 2007. E’ facile innamorarsi di un posto così e per gli amanti della natura diviene il posto ideale dove trascorrere giornate tranquille immersi nel verde più incontaminato.

 

Il centro si chiamava originariamente “Pietra Castalda”, cioè rupe fortificata, come è ricordata in un documento del 1068.
Fu un’antica roccaforte normanna riedificata nella metà del XII sec.
Nel corso dei secoli si sono succedute le diverse dominazioni di signori feudali fino ai Conti Gaetani d’Aragona che vi edificarono il Castello, di cui oggi restano pochi ruderi.
Degna di interesse è la chiesa parrocchiale dell’Immacolata con un particolare portale e nel cui interno si possono ammirare una statua trecentesca raffigurante la Madonna col Bambino, alcune tele del 1400, un confessionale con intagli rinascimentali e bellissimi affreschi del 1600.

 

sasso di castalda3

sasso di castalda

Il centro storico del paese accompagna gli occhi del visitatore verso le testimonianze di una religiosità semplice e antica, le chiese del patrono San Rocco e dell’ Immacolata Concezione.

L’elemento simbolico del paese è il faggio di San Michele. Albero la cui età va dai 300 ai 400 anni; ha grandi dimensioni, con una circonferenza di circa 6 metri e nella tradizione Sassese è il primo albero a fiorire nella faggeta della Costara e a segnare l’arrivo della primavera.